Giulia #Sarti sulla mozione per dire #CancellieriDimettiti

Signor Presidente, colleghi, dall’inizio di questa legislatura, la Commissione giustizia si è occupata e si sta occupando, per la stragrande maggioranza del suo tempo, del sovraffollamento carcerario. Per mesi, non si è fatto altro che parlare di questo. Il MoVimento 5 Stelle ha presentato addirittura un piano carceri per indicare una possibile soluzione, ma siamo stati prima ignorati e, poi, accusati proprio da lei, Ministro, di aver preso dati e notizie falsi sulle carceri.
Intanto, però, dietro le quinte, nei mesi estivi, che cosa succedeva ? Il Ministro della giustizia si attivava per sincerarsi che la situazione delle condizioni di salute di una sola detenuta fossero state prese in considerazione dal personale competente (DAP più magistrati). Tutto ciò, per fare un favore ad un’amica, la signora Fragni, compagna di Salvatore Ligresti e madre della detenuta. Non solo: il Ministro della giustizia diceva al telefono che si sarebbe messa a disposizione della famiglia Ligresti e ribadiva che no, non era giusto quello che stava capitando in riferimento agli arresti delle figlie di Salvatore Ligresti, mentre il terzo figlio, ricordiamolo – ricordiamolo –, continua la sua latitanza in Svizzera.
E tutti gli altri detenuti, Ministro ? Quanti malati ci sono all’interno delle nostre carceri ? Quanti versano in condizioni disastrose, ai limiti della tortura ? E il personale che lavora in carcere, di cui non si parla mai, purtroppo ? Quanti soffrono di depressione ? Quanti avrebbero bisogno di ottenere un trasferimento, che non viene mai concesso, perché c’è totale mancanza di organico ? Quante persone arrivano al suicidio ? Non ci sembra di ricordare che nella sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo ci fosse scritto che bisognava risolvere il problema del sovraffollamento solo in caso di detenuti con cognome Ligresti.
La verità è che, spesso, le emergenze in questo Paese vengono create ad arte, magari, per far guadagnare qualcuno, magari perché ci sono interessi economici apparentemente nascosti. Prendiamo il caso dei braccialetti elettronici, solo per fare un esempio: uno spreco da 9 milioni di euro l’anno. E sapete quante volte sono stati applicati dal 2001 questi braccialetti ? Quattordici volte ! E chi gestisce il sistema del controllo dei braccialetti elettronici ? La Telecom. Il 31 dicembre 2011 il contratto con Telecom viene rinnovato dall’allora Ministro dell’interno, proprio lei, Ministro Cancellieri, salvo poi essere annullato dal TAR del Lazio perché non era stata fatta gara e si era proceduto con trattativa privata! E oggi chi gestisce la contabilità di Telecom, in cui viene assegnata anche la maxicommessa del Ministero della giustizia ? Chi è responsabile dei settori di amministrazione, finanza e controllo ? Suo figlio, Ministro Cancellieri, Piergiorgio Peluso che ha lasciato Fonsai nel 2012 con una liquidazione record di 3,6 milioni di euro !
Bene Ministro, da questa vicenda, dalla vicenda Cancellieri-Ligresti, colleghi, emerge chiaramente che nel nostro Paese esistono cittadini di serie «A» e cittadini di serie «Z», come ha già precedentemente ricordato il collega Bonafede.
Una volta bastava conoscere persone influenti per avere raccomandazioni e favori; oggi, siamo passati oltre: è necessario avere il numero di cellulare di un Ministro per ottenere facilmente corsie preferenziali. 

Vede, Ministro Cancellieri a volte, proprio per il ruolo che si sta ricoprendo, è meglio non farle certe telefonate.

Video:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...