#NoVotoSegreto: se nel Regolamento si dice che deve essere palese.

GIUNTA

16 settembre 2013 – by [Ci8]

E se leggendo le 461 pagine del Regolamento del Senato trovassimo a pagina 109 proprio quello che ci serve per zittire una volta per tutte coloro che vogliono continuare a fare sotterfugi?

Articolo 113 (1) (*) (**): MODI DI VOTAZIONE.

1. I voti in Assemblea sono espressi per alzata di mano, per votazione nominale, o a scrutinio segreto. Le votazioni nominali sono effettuate con scrutinio simultaneo o con appello.

2. L’Assemblea vota normalmente per alzata di mano, a meno che quindici Senatori chiedano la votazione nominale e, per i casi consentiti dai commi 4 e 7, venti chiedano quella a scrutinio segreto.
La relativa richiesta, anche verbale, dev’essere presentata dopo la chiusura della discussione e prima che il Presidente abbia invitato il Senato a votare. Se il numero dei richiedenti presenti nell’Aula al momento dell’indizione della votazione e` inferiore a quindici per la votazione nominale o a venti per quella a scrutinio segreto, la richiesta si intende ritirata. I Senatori richiedenti sono considerati presenti, agli effetti del numero legale, ancorche´ non partecipino alla votazione.

3. Sono effettuate a scrutinio segreto le votazioni comunque riguardanti persone e le elezioni mediante schede.

4. A richiesta del prescritto numero di Senatori, sono inoltre effettuate a scrutinio segreto le deliberazioni relative alle norme sulle minoranze linguistiche di cui all’articolo 6 della Costituzione; le deliberazioni che attengono ai rapporti civili ed eticosociali di cui agli articoli 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 24, 25, 26, 27, 29, 30, 31 e 32, secondo comma, della Costituzione; le deliberazioni che concernono le modificazioni al Regolamento del Senato.

Aspettate un attimo, ci sono degli asterischi e delle note all’articolo. E allora, incuriosita, vado a leggere e mi si apre un mondo fatto di furbizia, quella di mettere le cose importanti dove non si leggono, come le scritte piccolissime nei contratti e il “Accetto i Termini di Utilizzo” sui siti.

Che c’è scritto nel secondo asterisco?

(**) «Nel solco dell’interpretazione costantemente adottata sino al novembre del 1988 ed alla conseguente, mai contestata, applicazione concreta, la Giunta per il Regolamento – nel sottolineare l’esigenza di un’organica revisione della materia, anche sulla base delle modifiche che il Parlamento si accinge ad apportare all’articolo 68 della Costituzione – esprime il parere che le deliberazioni sulle proposte della Giunta delle elezioni e delle immunita` parlamentari in materia di autorizzazione a procedere in giudizio siano sottoposte alla disciplina generale relativa ai modi di votazione e, pertanto, debbano essere votate in maniera palese. E ciò in quanto le deliberazioni stesse costituiscono espressione di una prerogativa dell’Organo parlamentare nell’ambito del rapporto con altri Organi dello Stato e dunque non rappresentano in senso proprio “votazione riguardanti persone”, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 113, comma 3, del Regolamento.
In applicazione del comma 4 dello stesso articolo 113, il ricorso al voto segreto si rende possibile per le autorizzazioni a procedere concernenti la sottoposizione all’arresto, alla perquisizione personale e domiciliare o ad altra privazione o limitazione della liberta` personale, attenendo le deliberazioni stesse ai rapporti di cui agli articoli 13 e seguenti della Costituzione.
La nuova interpretazione entra immediatamente in vigore».
(Parere della Giunta per il Regolamento del 6 maggio 1993).

Come come come??? Secondo quanto scritto qui il voto DEVE essere PALESE, non PUO’. Al contrario il voto PUO’ essere SEGRETO se si verifica uno dei casi previsti (arresto, perquisizione, limitazione libertà) e non mi pare proprio che la DECADENZA rientri in qualcuna di queste fattispecie.

Schifani aveva parlato giorni fa di PRASSI, ma ora sappiamo invece che la prassi e le regole se le giocano quando pare a loro e quando fa loro più comodo per scamparsela, consci del fatto che ci sarà sempre qualche italiano pronto a dire (come successo anche a me sulla pagina di Tutto Il Fango sotto questa foto) “Credo che Piero Grasso ne sappia più di me, te e Schifani insieme“.

Ehm, no, caro utente, non penso proprio!

**

TUTTO IL FANGO MINUTO PER MINUTO

Blog: https://tuttoilfangominutoperminuto.wordpress.com/
Facebook:  https://www.facebook.com/pages/Tutto-il-Fango-Minuto-Per-Minuto-la-Controinformazione-a-Cinque-Stelle/471981799541447
Youtubehttp://www.youtube.com/user/TUTTOilFANGOminXmin
Twitter https://twitter.com/TutFANGOminXmin
Skype: tuttofangominutoxminuto
Mailtuttoilfangocontrom5s@gmail.com

Annunci

16 thoughts on “#NoVotoSegreto: se nel Regolamento si dice che deve essere palese.

  1. Son passati 4 giorni e nessuno ha saputo dare una risposta al mio questito “se questo caso non rientra in privazione delle libertà, ditemi cosa rientra in questa categoria? Questo conferma la mia tesi. Continuare a ripetere che B è un condannato non serve a nulla, quella è la causa, l’effetto è una privazione di libertà.

    • Privazione della libertà o meno, c’é una sentenza definitiva.
      CI vogliamo attaccare ai cavilli che i politici hanno messo per poterla scampare? Ok, B resta libero. Ma allora la legge è uguale per tutti tranne per quelli che siedono in parlamento. scriviamolo nei tribunali ed evitiamo addirittura di iniziare processi contro di loro, così risparmiamo anche i soldi delle indagini e dei processi.

      • Il tema era il voto segreto e non se Berlusconi sia o meno colpevole, siccome avete capito di aver toppato girate la frittata. Come già detto per me B deve decadere oltre che scontare la pena, ma mai mi permetterei di violare una qualsivoglia norma per ottenere ciò. Io sono migliore e voglio restarlo, per cui se le regole prevedono il voto segreto questo deve essere. Non si può fare ciò che si vuole solo perchè si ha un obiettivo giusto. Ottenere una cosa giusta con mezzi illeciti è comunque sbagliato. Se voi volete scendere al livello di B fate pure, io non ci sto.

  2. sono pienamente d’accordo con quanto scritto nell’aticolo e c hiaramente in disaccordo con tutti quelli che dicono che interdire un condannato in via definitiva a 4 anni di carcere ridotti poi a uno pero senpre la condanna è di 4 anni è una violazione della propria liberta personale………. vi ricordo que il signor silvio berlusconi è un pregiudicato in attesa di scontare la propria pena e quindi già non ha più la sua libertae punto…. in cuanto carcerato la legge dice che non ti puoi candidare stop fine del discorso se fosse una persona normale sarebbe già in carcere…………….

  3. anche se sono d’accordo con Lorenzo (in quanto non poter essere eletto credo sia una limitazione della libertà personale) penso che i M5S si stiano facendo le ossa e ciò va a tutto guadagno per tutti i cittadini. Dopodiché mi auguro che lo psiconano non sia sbattuto fuori dai giudici ma dagli italiani, che non lo voteranno più in dosi massicce se gli verrà presentato loro una qualche opportunità diversa. Mi riferisco a coloro che lo hanno votato fino ad ora. Se l’unica alternativa è Oscar Giannino…stiamo freschi.

  4. È chiaro che dal punto di vista formale giuridico non si tratta di un voto sulla persona, ma di decidere la composizione di un organo costituzionale difendendo le prerogative di tale organo. Se questo art é presente nel regolamento é applicabile. La giunta per il regolamento detta l’interpretazione dello stesso, inoltre é esplicitamente detto che fino a modifiche quest’interpretazione va applicata. Le modifiche sono giunte? Non credo visto che il regolamento non é stato aggiornato!;) ottimo lavoro!!;) ps. Inoltre é palese che non è una limitazione della libertà personale!

  5. Mettere un ladro in galera è giusto, ma nel contempo è una privazione della sua libertà. Mi pare che si faccia molta cofusione tra cause ed effetti. Il regolamento fa riferimento agli effetti, non alle cause. Gli effetti sono una indubitabile privazione di libertà. Inoltre se questo caso non rientra in privazione delle libertà, ditemi cosa rientra in questa categoria? Se non avete una risposta vi siete risposti.

  6. Ovviamente il fatto che la nota si riferisca ad autorizzazione a procedere (e non è questo il caso) è irrilevante…. E le privazioni della libertà in questo caso sono conseguenza dell’autorizzazione a procedere.

  7. Lorenzo mi spieghi quale sarebbe la limitazione della libertà personale? ti ricordo che la persona in oggetto è un condannato in via definitiva,anche se…. questa cosa non si dovrebbe neppure discutere,in quanto dovrebbero essere moralmente,penalmente e civilmente al di sopra di ogni sospetto.

  8. Ottimo lavoro ! I saccenti del PD e del PDmenoL si ritengono gli unici depositari di un sapere che non hanno mai avuto, tantomeno adesso, vista la qualità degli eletti. Citano a sproposito Costituzione o leggi o regolamenti senza averli non dico studiati ma neppure letti ( l’episodio della Sereni alla Camera è sintomatico ). Concordo con Umberto Righi sul fatto che il venir meno dei requisiti necessari per svolgere l’attività di parlamentare non abbia nulla a che vedere con la limitazione della libertà personale, nè dal punto di vista logico nè da quello giuridico. Che poi gli azzeccagarbugli inventino fole che non stanno nè in cielo nè in terra, beh, questo è tutt’altro discorso 🙂 .

  9. Lorenzo@, la decadenza riguarda i requisiti necessari per svolgere l’attività di parlamentare-senatore, come avviene per svariate attività lavorative. La favola che i requisiti necessari per svolgere una attività siano una limitazione della libertà personale e quindi con risvolti penali,è stata creata dal PDL per la questione retroattività.

    • Umberto Righi@, lei fa un interpretazione sui requisiti, ma se si fa un interpretazione in base ai diritti la cosa cambia. Ogni cittadino gode del diritto elettorale, in questo caso attivo. L’applicazione della Severino difatti priva, peraltro giustamente, il cittadino di un dritto e quindi di una libertà. La sua tesi non miconvince e, mio malgrado, devo ancora concordare con quanto sostiene Schifani. Detto ciò, voto segreto o no, a me basta che lo buttino fuori quel cittadino.

  10. Non per difendere Schifani, che è uno dei più odiosi sul mercato delle vacche, ma, se proprio vogliamo cavillare, la decadenza mi pare ricada in pieno nella definizione di “limitazione della libertà personale”. Poi è ovvio che, volendolo, si possa far tutto e l’esatto contrario.

  11. che dire…..ancora una volta di piu’…..GRAZIE RAGAZZI….per quello che state faccendo…FORZA M5!!!! FORZA RAGAZZI!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...