~ personalMente ~ I nemici del popolo – di Luigia Stefanucci

personalmente1

29 luglio 2013 – di Luigia Stefanucci

Se Berlusconi verrà condannato, il PD sarà severo ma solidale: salvare Berlusconi equivale a salvare se stesso
.
Eppure: tutti i militanti saranno indignati.
Orde di psicoanalisti stanno già attrezzandosi e sarà clinicamente epocale.

Perché vedete (questo è uno dei rari casi in cui la verità è dotata di evidenza interna) più delle proteste della base, più della disaffezione dei militanti, più di un’emorragia eventuale di voti alle prossime elezioni ciò che letteralmente terrorizza il PD è IL CONFRONTO SUL CAMPO COL MOVIMENTO CINQUE STELLE.
Perché?

Vi dico ciò che penso: perché il Movimento incarna tutti i valori sui quali il Partito Democratico ha nel tempo defecato, urinato, scatarrato, bestemmiato e attaccato le caccole, come uno scolaro border line ad un passo (ormai compiuto) dal più feroce dei nervosi esaurimenti. E perché non solo li incarna, ma lo fa in una chiave più attuale, scevra cioè di quelle declinazioni ideologiche che la storia ha in gran parte rigettato; lo fa riuscendo a parlare un linguaggio non più ideologico ma trasversale e interessato alla “sintesi”.

Il Movimento Cinque Stelle è in sostanza quello che il Partito Democratico sarebbe dovuto diventare a ‘na certa del suo lungo cammino filologico.

E invece niente.
E su questo niente ontologico ecco sopraggiungere il Movimento Cinque Stelle. Dolore della Leadership. Ansia da prestazione delle militie veterane. Brivido tra i neofiti. Transfert a manetta…

Il CONFRONTO col Movimento Cinque Stelle è davvero l’Incubo Primario del Partito Democratico
: il rimosso numero uno. Confronto che possiamo immaginare in due modalità sostanziali:

  1. l PD al governo con i Cinque Stelle
  2. il PD in campagna elettorale contro i Cinque Stelle.

Ma partiamo dal primo punto: perché non è stato possibile e non sarà possibile un governo con i cinque stelle? Perché ogni singola iniziativa del Movimento è un’azione migliorativa a favore della collettività e NON A FAVORE DEGLI INTERESSI DELLE OLIGARCHIE DI CUI IL PD CONSISTE E CHE IL PD TUTELA. La concretezza del Movimento, la sua coesione, il suo non essere ricattabile, il suo bassissimo profilo retributivo, ecc, sono tutte realtà che TERRORIZZANO LO PSICOPATICO PARTITO DEMOCRATICO che non saprebbe come giustificare la sua indisponibilità a fare delle riforme che stanno storicamente nel cuore di ogni elettore di sinistra, quali – solo per citarne alcune – il reddito di cittadinanza, all’abolizione dei 65 milioni di euro mensili destinati da anni alla missione in Afghanistan e dell’acquisto degli F35, l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, la diminuzione delle tasse sul lavoro, la riforma della legge elettorale, ecc ecc ecc. Come potrebbe giustificare questa indisponibilità? Oppure come potrebbe farsi disponibile se ciò va contro quei poteri che il PD tutela e di cui pure, ormai, consiste?

Secondo punto, stessa cosa per una campagna elettorale contro il Movimento Cinque Stelle: nonostante i numeri, dopo questa vergognosa performance governativa, il PD sa che il rischio di una ulteriore erosione è altissimo. Insomma, come dice Letta: “non c’è alternativa a questo governo“. Ovvero: nessuno spodesta il Re, la sua Regina e i loro grassi cortigiani…

Ma allora, che farà il PD nel tempo? Rimanendo con Berlusconi perderà inesorabilmente e sempre di più sé stesso e il proprio corpo elettorale; governando con il Movimento finirebbe per vedersi sfilare l’ultima maschera, con tragiche conseguenze sul piano dell’identità (spina nel fianco mai rimossa, da dopo la caduta del M. di B.); e se volesse addirittura provare a cambiare se stesso dall’interno… ecco a voi il Renzi-rottamatore, con il quale forse, davvero, qualcosa di nuovo e di buono (anche se non del tutto “di sinistra”) il Partito Democratico potrebbe provare a fare… ma anche qui una falla: come le scorse primarie hanno fatalmente dimostrato, le Forze Oscure che tengono in ostaggio il Partito Democratico faranno di tutto per impedire l’ascesa di qualsiasi vocazione rottamatoria, anche “moderata”. Il PD quindi è entrato in una storica empasse generata dalla presenza del Movimento 5 Stelle.

Ed è per questo che quanto sto per dire non mi appare come il frutto di un umore catastrofico o di un colpo di sole non schivato: il Partito Democratico farà di tutto per eliminare FISICAMENTE il Movimento 5 Stelle e lo farà utilizzando l’arcinoto, glorioso e sempre verde TERRORISMO DI STATO. L’obiettivo sarà quello di ripristinare uno scenario politico funzionale, con una grande e accozzata coalizione di centrodestra e una grande e accozzata coalizione di centro sinistra, evocante un Derby, un mega ring o un escatologico scontro tra Buoni e Cattivi e Cattivi e Buoni, che in Italia, ormai, sono ESATTAMENTE LA STESSA COSA.

**

Se vuoi inviare le tue opinioni, riflessioni da dibattere su “Tutto il Fango Minuto per Minuto” fallo inviando il materiale al nostro indirizzo di posta elettronica con oggetto “personalMente”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...