Un #sondaggio per #LaStampa: Pinelli è stato suicidato o no?

lastampaistantpoll

17 giugno 2013 – by [Ci8]

Oggi è arrivata la segnalazione di un utente che ha portato alla nostra attenzione un sondaggio INSTANT POLL de La Stampa, il giornale di Mario Calabresi (figlio di Luigi Calabresi, ricordatevelo per dopo). Apriamo il link e notiamo che è stato lanciato l’11 giugno, in piena bufera Gambaro, come contro-sondaggio a quello di Beppe sul suo blog nel quale chiedeva agli utenti-sostenitori-attivisti se fosse davvero lui il problema del M5S.
Come potrete ben immaginare, in questo sondaggio, Beppe è il MALE DEI MALI per il 72% dei votanti (nel momento in cui abbiamo visto noi il link, ora siamo al 65%, a dimostrazione che la base è ancora compatta).

Il tam tam della condivisione ha fatto sì che un secondo utente ci ha inviato una seconda segnalazione, per la precisione una lettera aperta a Mario Calabresi, nata con moltissima probabilità proprio a causa di questo sondaggio. Ve la vogliamo riportare per intero.

Lettera aperta inviata al direttore del giornale La Stampa, dott. Calabresi

Cosa la stampa italiana produca ogni giorno lo constatano ormai sempre più cittadini.

Che siate al servizio solo di chi vi permette di sopravvivere con i soldi del finanziamento pubblico è scontato, altrimenti fallireste in pochi mesi e questo vi costringe a rendervi servizievoli anche in casi loschi come questo:

http://www.notav.info/post/al-cantiere-continuano-a-lavorare-le-ditte-senza-certificato-antimafia/

Un giornale ormai, vale l’altro, salvo rarissime eccezioni e il vostro giornale non rientra tra queste.

Per quanto riguarda i sondaggi, come quello promosso per sapere se Grillo è un problema o meno, penso si tratti dell’ennesimo “servizietto” fatto al potere come riconoscenza per il finanziamento pubblico. Immagino che nella vostra testolina pensiate di potere continuare con questi giochetti all’infinito: una pacchia che non finisce mai! Io penso e spero che vi sbagliate e che presto vi si chieda conto del vostro operare.

Se proprio il direttore volesse promuovere un sondaggio utile per la verità, ne promuova uno per chiedere se secondo i cittadini italiani, Pinelli volò dalla finestra della questura da solo o fu “fatto volare” e nel qual caso chi lo avrebbe fatto volare, visto che dopo tanti anni non lo si è mai scoperto? Ma probabilmente non fu neppure cercato.

Dott. Calabresi, ci proponga sul giornale che dirige questo sondaggio che gioverebbe alla ricerca di una verità mai cercata, invece di fare servizietti più adatti a “prostitute” che a giornalisti: lasci a loro gli squallidi “rapporti orali” a cui siete abituati con chi governa.

Attendiamo il prossimo sondaggio, dott. Calabresi.

Se non conoscete la storia di Pinelli e di Calabresi (padre) potete leggerla qui, in un post che avevamo scritto ad aprile e che narra a grandi linee cosa successe e il piú dettagliatamente possibile del fango mediatico che ne derivò.

Per il resto siamo quasi sicuri che questa lettera aperta non riceverà mai risposta e che le verità più scomode verranno taciute in virtù ed a favore di un più alto giornalismo fatto di futilità e inconsistenza tematica, ma pur sempre contro chi quelle verità vorrebbe conoscerle.

Fontehttp://www.lastampa.it/2013/06/11/italia/resa-dei-conti-nei-stelle-pfOwRJGN2EhqPEzVDbxvnK/pagina.html

**

TUTTO IL FANGO MINUTO PER MINUTO

Blog: https://tuttoilfangominutoperminuto.wordpress.com/
Facebook:  https://www.facebook.com/pages/Tutto-il-Fango-Minuto-Per-Minuto-la-Controinformazione-a-Cinque-Stelle/471981799541447
Youtubehttp://www.youtube.com/user/TUTTOilFANGOminXmin
Twitter https://twitter.com/TutFANGOminXmin
Skype: tuttofangominutoxminuto
Mailtuttoilfangocontrom5s@gmail.com

Annunci

One thought on “Un #sondaggio per #LaStampa: Pinelli è stato suicidato o no?

  1. Eccellente la lettera di risposta, però di che meravigliarsi?? Mario Calabresi ha fatto strada grazie al nome che porta in primis, come figlio di un personaggio che è diventato ufficialmente “una vittima”: mentre la domanda su come morì Pinelli è stata progressivamente archiviata e rimossa da gran parte della pubblica opinione. In secondo luogo il suddetto è stato “allevato” dalla stessa “scuola” dalla quale è uscito Ezio Mauro!.. Quindi ognuno tragga le sue conclusioni!
    PS: Sulla figura del commissario di polizia, consiglio a tutti la visione del film “Indagine su un cittadino, al di sopra di ogni sospetto”, con il grande Gian maria Volontè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...