Lucia #Annunziata: le querele per gli altri le bruciamo nel “barile”

Annunziata05 giugno 2013 di – [artemis74]

Prendiamo in considerazione un esempio di giornalismo auspicabile, nel modo di confezionare la notizia ma anche nella reazione di tutte le parti in causa.

Qualcuno di voi ricorderà forse la puntata di Report del 16 dicembre 2012, dedicata all’Eni. Come è suo costume dall’inizio della carriera, Milena Gabanelli confeziona un servizio dettagliato, completo, documentato e decisamente esaustivo su punti chiari, ma soprattutto su quelli scuri, dell’azienda.

Tra le altre cose, si riflette sul fatto che le inchieste del giornalismo italiano sull’Eni sono scarsine; che si debba, forse, anche a causa del generoso foraggiamento che la società riserva ogni anno alla comunicazione? In effetti, tra i consulenti e/o collaboratori di riviste aziendali della società figurano nomi quali Carlo Rossella ( …. ), Federico Rampini e Lucia Annunziata; quest’ultima entra a far parte del comitato editoriale del tabloid “Oil” nel 2008, suscitando qualche perplessità per via del compenso (150 mila euro annui per quattro numeri….), ma soprattutto per opportunità di etica professionale.

Infatti, la domanda che Report si rivolge e rivolge agli spettatori è “«Un giornalista può scrivere di Eni in piena indipendenza se lavora per Eni?» e naturalmente è facile immaginare che il problema dell’indipendenza non si porrebbe, ovviamente, riguardo alle attività pubblicate su “Oil”, ma a quelle svolte, per esempio, in qualità di giornalista della tv pubblica, conduttrice di un programma come “In ½ ora” (che l’Annunziata comincia a condurre nel 2004 e che, quindi, già conduce nel periodo della collaborazione con Oil).

Comunque, Lucia Annunziata, che ha concluso la sua collaborazione con Oil poco prima della metà del 2012, ha reagito in modo impeccabile al servizio della collega (da lei stimata, immaginiamo) Gabanelli; non solo, pare (perché non è possibile reperire notizie in proposito dal web) che abbia reagito da gran signora persino ad un articolo de Il Giornale poco lusinghiero e di certo non impeccabile, nei toni, come il servizio di Report.

“L’impegno dell’azienda è notevole, non sappiamo quale onere comporti l’operazione, né come venga valutato l’apporto di ciascun componente il comitato editoriale, ma si sa che a Lucia Annunziata viene assegnato un compenso di 150mila euro annui. Per soli quattro numeri in 365 giorni. S’impenna il prezzo del greggio, ma i compensi dei giornalisti «in» non restano indietro. Lucia Annunziata è molto brava, ha uno spazio di prestigio sulla Tv di Stato, scrive su un quotidiano importante, forse non ci sono compensi adeguati per i suoi talenti. Ma la notizia sulla sontuosa retribuzione crea qualche sgradevole sensazione di disagio, uno stridore psicologico indiscutibile.”

Poi tira giù l’asso a fine articolo scrivendo

“Già, Lucia Annunziata appartiene a quella sinistra ipercritica che ufficialmente piange sulla sorte di quei milioni di italiani i quali, grazie alle prodezze fiscali del governo delle sinistre, hanno riscoperto, dopo decenni, l’impossibilità di arrivare alla fine del mese. Sinistra piagnona e ipocrita, che critica le caste nella speranza di poter continuare a farne parte. E che commuove le masse descrivendo le privazioni di quei bambini che, nelle strette della quarta settimana, debbono fare a meno del latte. Annunziata dai proclami di socialità e solidarietà, questa sinistra non si fa mancare nulla, perché se non c’è latte c’è oil.”

Non ci sarebbe nulla di cui meravigliarsi, in un paese normale: tanto Il Giornale quanto Report riportano (sia pure con modi differenti) delle semplici notizie, che la stessa Annunziata non ha mai nascosto, nonostante il dibattito aperto (e mai arrivato ad un punto fermo) in merito all’opportunità di certe collaborazioni. Ma noi non siamo in un Paese normale e in un Paese in cui tutti querelano tutti (la stessa Milena Gabanelli è subissata di querele, concluse tutte – tranne una- finora, con un nulla di fatto), fa piacere sapere che una signora del calibro di Lucia Annunziata non si mostri suscettibile come tanti altri suoi colleghi. E, conoscendo la professionalità della nostra giornalista, siamo più che sicuri che si comporterebbe allo stesso modo con chiunque dovesse mai parlare del suo ruolo nella vicenda del tabloid dell’Eni; ma davvero con chiunque, anche se si trattasse, tanto per fare un esempio a caso, di quel caciarone fascistoide “turpiloquista” di BEPPE GRILLO!!! che ha, invece, tutta l’intenzione di querelare.

O no?

NdArtemis74: facciamo alcune precisazioni doverose: Beppe Grillo ha parlato di Lucia Annunziata relativamente alla vicenda Oil in almeno due occasioni (vedi link a http://www.youtube.it): in una occasione ha detto che contemporaneamente alla collaborazione con Oil era DIRIGENTE (e non direttore) di tg3, nell’ultima occasione, invece, ha detto proprio DIRETTORE: ora, probabilmente intendeva dire dirigente di RAI 3 (e non di tg3), ma in ogni caso ci lascia perplessi il fatto che l’Annunziata quereli solo lui, anzi, solo il “lui” di Piazza Armerina, mentre non si capisce come mai non l’abbia querelato in occasione del discorso a Bari, o forse si capisce: quel discorso è stato pronunciato a gennaio 2013, prima delle elezioni, quando tutti (compresa la lungimirante Lucia Annunziata) snobbavano tranquillamente il M5S.

Fonti: http://www.youtube.com/watch?v=h4PL4z3K8LQ

http://www.youtube.com/watch?v=AEh_htuVWQ0

http://www.adusbef.it/consultazione.asp?Id=6677&Ricerca=tar

http://blog.dossier.net/indagine-di-report-sugli-affari-dell-eni/

http://www.ilgiornale.it/news/l-annunziata-prende-150mila-euro-dall-eni.html

http://www.huffingtonpost.it/lucia-annunziata/le-infamie-di-grillo-contro-di-me_b_3380213.html

Fotohttp://www.zonadifrontiera.org/wp-content/uploads/2012/03/annunziata.jpg

**

TUTTO IL FANGO MINUTO PER MINUTO

Blog: https://tuttoilfangominutoperminuto.wordpress.com/
Facebook:  https://www.facebook.com/pages/Tutto-il-Fango-Minuto-Per-Minuto-la-Controinformazione-a-Cinque-Stelle/471981799541447
Youtubehttp://www.youtube.com/user/TUTTOilFANGOminXmin
Twitter https://twitter.com/TutFANGOminXmin
Skype: tuttofangominutoxminuto
Mailtuttoilfangocontrom5s@gmail.com

3 thoughts on “Lucia #Annunziata: le querele per gli altri le bruciamo nel “barile”

  1. la “constatazione” di fronte alla denuncia alla magistratura e’ che Beppe e tutto l’ M5…..fanno “paura”……stiamo contando i “confetti”….e questo e’ intollerabile perche’ non scenderemo mai a “patti” e loro lo sanno……e cosa gli rimane…..la querela….che nel caso specifico lascera’ “il tempo che trova”……..

    • è pleonastico che il movimento fa paura e bisogna trovare sempre espedienti per metterlo in cattiva luce ma è anche ovvio che non ci riusciranno perchè dalla nostra abbiamo la volontà alla vera crescita sociale. forza! mi piacerebbe partecipare attivamente a questa paginadi “TRUTTO IL FANGO MINUTO PER MINUTO”.

      CIAO PARIDE POLIDORO , UN SALUTO PARTICOLARE A LARA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...