#M5S scopre un altro privilegio: ma il titolone non lo evidenzia.

Polizzavita

31 maggio 2013 – by [Ci8]

Eccoci all’ennesima storia di omertà giornalistica. Come altro chiamereste l’azione di non mette in luce già dal titolo quale sia l’argomento dell’articolo? Solitamente, per il gossip politico, i titoli sono pieni di parole come “m5s”, “grillini”, “pentastellati”, ma quando si tratta di mostrare all’Italia il VERO lavoro che si sta facendo – che non è solo quello di premere bottoni seduti su velluti rossi, ma anche INFORMARE i cittadini di quelle che sono le brutture oligarchiche del nostro Paese – i titoli si ridimensionano e, come abbiamo imparato in questi mesi, non attirano, volutamente, l’attenzione dell’italiano medio, quello che pontifica di tutto in base al titolone o al sentito dire.

L’Espresso tira fuori un’inchiestina-ina-ina sui privilegi della casta e titola: “La Casta ha la polizza vita”.

Aprendo l’articolo si legge: “A proposito dei vizietti della Casta, ne spuntano sempre di nuovi. L’ultimo è quello scoperto dai parlamentari del Movimento 5 Stelle della Camera”. (NdCi8: perché, chi altro ha mai scoperto i furbetti oltre ad un paio di giornalisti con coscienza?)

Continuiamo a leggere: “Si tratta della polizza sulla vita stipulata con una convenzione dai vertici di Montecitorio con Ina Assitalia e Fondiaria Sai e che, in caso di morte dei deputati in carica, paga agli eredi cifre che vanno dai 258 mila euro previsti per gli eletti con oltre 66 anni di età fino agli oltre 516 mila euro per i più giovani con età inferiore ai 40 anni. Costo complessivo per la Camera, circa un milione di euro.

“«E’ un privilegio intollerabile, un servizio non necessario che va assolutamente cancellato», denuncia il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio che, insieme ad altri due colleghi del M5S, i segretari d’aula Riccardo Fraccaro e Claudia Mannino, ha chiesto con una lettera alla presidente Laura Boldrini di mettere la questione all’ordine del giorno del prossimo ufficio di presidenza.”

E per concludere, le cifre: “Per la precisione, risultano assicurati 630 deputati, 496 uomini e 134 donne. Le polizze dei primi costano 747.545 euro, quelle delle seconde 72.467 euro.” e facendo due calcoli si scopre anche che le donne valgono meno degli uomini:

  • 747.545/496 = 1.507,1€ a uomo
  •   72.467/134 = 540,80€ a donna

Che altro aggiungere se non che non gli si può augurare più, nemmeno per scherzo, una morte lenta e dolorosa?

Molti italiani non possono più nemmeno permettersi cure mediche basilari e loro hanno addirittura una polizza vita pagata da noi; se muoiono in parlamento è morte sul lavoro? In quanto tempo viene erogata questa cifra incredibilmente alta per chi ha già stipendi e privilegi fuori da ogni decenza?

Fonte: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/la-casta-ha-la-polizza-vita/2208171/8

**

TUTTO IL FANGO MINUTO PER MINUTO

Blog: https://tuttoilfangominutoperminuto.wordpress.com/
Facebook:  https://www.facebook.com/pages/Tutto-il-Fango-Minuto-Per-Minuto-la-Controinformazione-a-Cinque-Stelle/471981799541447
Youtubehttp://www.youtube.com/user/TUTTOilFANGOminXmin
Twitter https://twitter.com/TutFANGOminXmin
Skype: tuttofangominutoxminuto
Mailtuttoilfangocontrom5s@gmail.com

Annunci

2 thoughts on “#M5S scopre un altro privilegio: ma il titolone non lo evidenzia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...