#Currò: da elettore #PD deluso ad eletto #M5S indeciso.

curro17/05/2013 –Mozzybilo 

Ieri 16 maggio L’Unità, a firma di Andrea Carugati, pubblica un intervista al cittadino in parlamento Tommaso Currò. La testata lo presenta come uno dei dissidenti alla stregua di Favia e Salsi.
La prima domanda si raggomitola sempre sullo stesso refrain, sulla solita motivazione tipicamente Pd del “Noi abbiamo provato, ma loro non hanno voluto”. Lo stesso Currò si accoda alla versione del partito democratico, dicendo che “Grillo non ha voluto discutere con il Pd” e secondo il deputato, Berlusconi e la sua rinascita è stata favorita da questo diniego.
E’ necessario se non fondamentale fare una piccola premessa: il concetto fondamentale su quale potremmo sinteticamente basare il senso politico a 5 stelle è che non esiste distinzione tra PDL e PD.
Notoriamente chiamiamo il partito democratico PD-L, non esiste quindi una rinascita berlusconiana, non esiste un affossamento di B. L’accordo con il PD, nell’ottica a 5 stelle, equivale ad un accordo con il PDL; ricordando la premessa è impensabile pretendere un accordo con una parte del partito unico, mi sembra abbastanza semplice da capire.

Quindi la domanda da porre al nostro Currò è: deputato ma lei sapeva che PD e PDL non esistono ma esiste un unico partito da almeno 20 anni?
Di fronte a considerazioni politiche molto chiare, lascerei parlare i numeri:

  • 1992-1994: Amato – Ciampi (sinistra) 651 giorni
  • 1994-1995: Berlusconi I (destra) 226 g
  • 1995-1996: Dini (tecnico) 360 g
  • 1996-2001: Prodi D’Alema Amato (sinistra) 1817 g
  • 2001-2006: Berlusconi II (destra) 1783 g
  • 2006-2008: Prodi (sinistra) 617 g
  • 2008-2011: Berlusconi (destra) 1283 g
  • 2011-2013: Tecnici e politici insieme appassionatamente
  • 2013 – ora: Partito Unico

Destra 3.292 giorni e Sinistra 3.085 giorni, che in percentuale sono 51.6% destra e 48.4% sinistra: in venti anni un bel 2% di governo di destra in più.
Affermare che fosse necessario l’accordo con il PD è come affermare che uno dei concetti fondamentali del movimento non esista.
Quanto detto da Currò ha un senso solo se consideriamo questa sua affermazione (sempre nell’intervista in questione) “Per tanti anni ho votato PD, poi sono stato deluso dal loro correntismo esasperato, dai troppi fallimenti, dalle promesse mancate. Ma l’eventuale implosione del PD non è una prospettiva che auspico”.
Quindi Currò, nonostante la sua delusione da ex elettore del PD, resta ancora inconsciamente (?) ancorato ad una considerazione diversa sul suo ex partito: considera ancora possibile discutere con il PD, molto probabilmente non riesce a staccarsi da quel sogno tradito e deluso più volte. Sicuramente altra cosa è il dialogo con sparuti e meritevoli rappresentanti del Partito Democratico, che forse sono i soli ad incarnare le esigenze dell’elettorato di riferimento, ma malauguratamente questi personaggi non sono i depositari delle decisioni del partito.

Currò sembra disconoscere, per esempio, la celeberrima dichiarazione alla Camera di Violante, o le assenze ingiustificate fondamentali per il voto dello scudo fiscale, o le mille circostanze in cui i leader dei due partiti simulavano discordia mentre firmavano accordi. Inutile fare qui un elenco di fatti per rispondere alle visioni personali di Currò; altra cosa è dare valenza assoluta a dei punti di vista assolutamente confutati dai fatti.
Ma se ancora ci fossero dubbi su come andò la questione PD-M5S, potremmo fugarli ascoltando le parole di Marina Sereni, Vice Presidente del Partito Democratico, a Porta a Porta : “L’idea non era di fare un governo con il M5S! L’idea era di chiedere al M5S di consentire che nascesse un governo di Centro Sinistra, pur rimanendo cosa distinta. Poi, loro non hanno voluto!
E Vespa punzecchia: “Ma se un partito dà la fiducia per far nascere un governo, non fa parte della maggioranza che ha fatto nascere questo governo?
Sereni: “Avevamo valutato e proposto anche, ai 5* di non opporsi, cioè di consentire tecnicamente la nascita di un governo, visto che avevano detto di non voler far parte di una maggioranza. Non hanno voluto nemmeno quello!
Cazzullo interviene nel discorso: “Il PD sperava che si spaccassero i grillini, cosa che non è accaduta; segno che, comunque, hanno dimostrato una certa tenuta.”
Quindi la risposta più precisa non arriva dal M5S o da Beppe, che potrebbero avere una visione faziosa, ma le tesi stelline vengono assolutamente rinforzate dal vice presidente del PD.
Currò dovrebbe prendere atto che la linea del “no” non è stata una linea distruttiva ma assolutamente coerente con i principi stabiliti ancor prima della sua candidatura e dei quali lui non penso fosse disinformato.
Il resto dell’articolo si compone poi di altre affermazioni scisse dal principio 5 stelle, che non fanno altro che confermare come Currò esprima delle opinioni personali, non in totale linea con il programma e lo spirito fondativo del Movimento: “Mi pare di cogliere in lui ( Grillo) l’idea di una democrazia senza partiti, assembleare, di un Parlamento come somma di comitati e movimenti “single issue”, i No tav, No ponte, No Discarica. Credo che non possa funzionare, la democrazia ha bisogno di partiti, di una destra e di una sinistra. Partiti rinnovati, in cui chi ha fallito si faccia da parte. Ma pur sempre partiti”.
Il nostro deputato nonostante ciò, sembra però essere molto impegnato nella causa del movimento; nonostante le sue idee un po’ lontane dai fatti, la sua condotta è assolutamente conforme a quella degli altri, non penso sia giusto pesare troppo le sue parole, ma semplicemente dimostrare come alle idee si debbano contrapporre i fatti, ed i fatti dicono altro.

Fonti: http://www.unita.it/italia/curro-deputati-diaria-m5s-grillo-casaleggio-grillini-catania-berlusconi-pd-pdl-governo-bersani-1.500639

Violante alla Camera: http://www.youtube.com/watch?v=RHPRel7mpUM&feature=share

Sereni a Porta a Porta: https://www.youtube.com/watch?v=CElZOET0mNg

**

TUTTO IL FANGO MINUTO PER MINUTO

Blog: https://tuttoilfangominutoperminuto.wordpress.com/
Facebook:  https://www.facebook.com/pages/Tutto-il-Fango-Minuto-Per-Minuto-la-Controinformazione-a-Cinque-Stelle/471981799541447
Youtubehttp://www.youtube.com/user/TUTTOilFANGOminXmin
Twitter https://twitter.com/TutFANGOminXmin
Skype: tuttofangominutoxminuto
Mailtuttoilfangocontrom5s@gmail.com

Annunci

2 thoughts on “#Currò: da elettore #PD deluso ad eletto #M5S indeciso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...