RENZI CONTRO I FINANZIAMENTI PUBBLICI, SI, MA DEGLI ALTRI

l43-renzi-120829205248_medium3 APRILE 2013
(nell’album “RENZI, IL GRULLINO” ==>http://goo.gl/4xHFi)RENZI DICE NO AI RIMBORSI ELETTORALI, PERCHÉ IMMORALI.
Peró qualcosa non quadra.
Ci sono alcune date da dover tener d’occhio e alcune dichiarazioni da approfondire.
Nel Giugno del 2004 Renzi viene eletto Presidente della Provincia di Firenze, e nel 2009, il 15 di Febbraio per l’esattezza, viene eletto Sindaco di Firenze.
Il 7 Novembre del 2010 tiene lo storico discorso alla Leopolda, inaugurando cosí la stagione dei “rottamatori”.

Da quel giorno inizia la sua campagna elettorale e il suo attacco al sistema, soprattutto quello ai rimborsi pubblici ai partiti.

Lui sostiene che le sue campagne elettorali, dal 2010 in poi, siano tutte state appoggiate da privati (sostanzialmente banchieri di grande spessore, data l’anima fortemente liberista del Renzi Sindaco rottamatore area Democrazia Cristiana) e sicuramente é cosí.

Peró é doveroso ricordare che il buon Renzi entra in politica nel 2004, appunto, usufruendo del sostegno della coalizione di Centro Sinistra (Democratici di Sinistra, la Margherita, Comunisti italiani, tanto per dire i primi 3 classificati) e nel 2009, durante le elezioni a sindaco di Firenze con il PD.

E di certo queste elezioni sono state svolte con i denari pubblici.

Perché nessun giornalista fa mai notare tutto questo, mentre la questione del falso rifiuto ai rimborsi pubblici del Movimento Cinque Stelle é diventato caso di stato?

Perché non viene detto che per le elezioni del 2008 il PD aveva ricevuto ben 36.046.301.16 di € di contributi a fronte di una spesa certificata di 18.418.043,65 di €, aggiungendo inoltre ben 19.787.787,06 di residuo cassa degli ormai scomparsi DS e MARGHERITA?

Questi denari, ovviamente, sono stati utilizzati in tute le spese elettorali sostenute dal PD per le elezioni dei suoi candidati in qualsiasi competizione elettorale, e quindi anche per le elezioni a Sindaco di Firenze del 2009.

Non possiamo scrivere in dettaglio, purtroppo, delle elezioni del 2004, in quanto non siamo riusciti a trovare i dati singoli dei partiti, ma solo riguardanti le spese generali (tutto in calce), ma il concetto é chiaro a tutti, credo.

Insomma, un MoVimento che si mantiene senza un centesimo di denaro pubblico ogni volta viene messo in “croce”, mentre un politico vecchio come Renzi, ma con un vestitino tutto nuovo come solo i servi pennivendoli sanno cucire, passa per il rottamatore che inventó il rifiuto ai rimborsi pubblici.

Renzi, siete circondati, e lo siete anche da chi, come noi, che facciamo questo per passione e non per rendiconto personale, si mette a spulciare i vostri conti e le vostre contraddizioni.

E questi dati iniziano ormai a circolare.
Sará un piacere, Matteo Renzi sindaco, sará un vero piacere.

{ThElMan}

fonti
http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/controllo/controllo_spese_elettorali/delibera_cse_9_2009.pdf

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/partiti-le-tabelle-dei-costi-dal-1994-a-oggi/2131101

http://www.comune.firenze.it/elettorale/prov2004/

http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/politica/2010/4-novembre-2010/prossima-fermata-leopolda-rottamatori-sono-firenze-1804099034232.shtml

— con Matteo Renzi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...