IL GRUPPO PARLAMENTARE GAL PER AVVIARE L’INCIUCIO 2013

320552_10151360623778597_561032519_nby {ThElMan}

22 MARZO 2013 – SPECIALE INCIUCIO

A QUANTO PARE ORMAI É QUASI TUTTO PRONTO.
E QUELLO CHE SEGUE É UNO SCANDALO E NON DEVE ACCADERE.
FACCIAMO PRESSIONE E FACCIAMO CONOSCERE A PIÚ PERSONE POSSIBILI QUANTO STANNO FACENDO QUESTI VECCHI GERARCHI DELLA PRIMA REPUBBLICA.

Naturalmente nessun grande “mezzo di (dis)informazione” ha rilanciato la notizia, e questo perché anche questa notizia rischiava di passare in sordina.

Leggendo l’articolo di Gianluca Roselli forse abbiamo compreso da dove arriverá la fiducia al Governo Gargamella I, e cioé attraverso i voti del neo nato gruppo Grande Autonomia e Libertà (Gal).
Dieci senatori, provenienti dal PDL e dalla LEGA, hanno formato silenziosamente questo gruppo, che probabilmente dará i voti necessari a Bersani e Monti per riuscire a fare il loro prezioso Inciucio I.

Qui il link che riporta al gruppo GAL direttamente sul sito del Senato
http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede_v3/Gruppi/00000072.htm

Questo il testo dell’articolo di Gianluca Roselli

Dieci senatori di Pdl e Lega si fanno il gruppo autonomo. Saranno loro a salvare Bersani?

22 marzo 2013

“Qualcuno li ha già battezzati i “responsabili” del centrosinistra. Non siamo ancora a quel punto. Certo desta una certa curiosità la nascita, a Palazzo Madama, di un gruppo di dieci senatori formato da esponenti di Lega, Pdl, Mpa e Grande Sud. Si chiama Gruppo Grande Autonomia e Libertà (Gal). E avrà il compito di agire in parallelo a quello della Lega, che vanta 16 senatori. L’obbiettivo ufficiale è rafforzare le istanze autonomiste dentro il Palazzo. Creare un terreno di dialogo tra forze diverse sul tema del federalismo. “Abbiamo voluto seguire lo stesso percorso della Lega alla Camera”, spiega Jonny Crosio, leghista passato da Montecitorio a Palazzo Madama. Sì, però alla Camera il Carroccio ha dovuto imbarcare due deputati proprio per far nascere il gruppo, visto che i soli leghisti arrivavano a 18. Così sono stati costretti ad arruolare Rudi Marguerettaz dell’Union valdotaine e Angelo Attaguile eletto nel Pdl ma molto vicino a Raffaele Lombardo.

In Senato la Lega non aveva problemi numerici. Ma, dopo una giornata di tensioni sulla costituzione del gruppo misto, ecco nascere Gal. Il capogruppo è Mario Ferrara di Grande Sud. Oltre a Crosio e al leghista Gian Marco Centinaio, ne fanno parte Laura Bianconi, Luigi Compagna, Giovanni Bilardi. Lucio Barani e Antonio Scavone del Pdl; Giuseppe Compagnone del Mpa e Giovanni Mauro di Grande Sud.

“Vogliamo creare un terreno di confronto sui temi dell’autonomia tra persone provenienti da esperienze politiche diverse, ma tutte interessate a una differente gestione del potere dello Stato”, continua Crosio. Ora, mettere in piedi un gruppo parlamentare autonomo ha il suo bel vantaggio economico: Gal, infatti, avrà a disposizione la sua fetta di denaro che spetta ai gruppi parlamentari, più un discreto numero di assistenti e segretari. E parteciperà alla conferenza dei capigruppo, il luogo dove si dettano temi e tempi dell’agenda parlamentare. Ma la nascita di un gruppo composto da leghisti e pidiellini in questa fase così delicata in cui Bersani è alla disperata ricerca di una maggioranza proprio a Palazzo Madama fa alzare il sopracciglio agli osservatori più esperti. Il sospetto è che si tratti di una forza “cuscinetto” di possibile supporto alla nascita di un governo di centrosinistra. Dieci piccoli indiani messi lì da Maroni e Berlusconi pronti a dare una mano a Bersani. Il centrosinistra più Scelta civica, infatti, ha Palazzo Madama può contare su 142 senatori. Con dieci in più si arriverebbe a 152. Per la maggioranza assoluta ne mancherebbero ancora sei. Gal non sarebbe decisiva, ma comunque di grande aiuto. “Degli otto punti presentati da Bersani, sette li condividiamo, quindi si può discutere. Vogliamo essere funzionali a un progetto politico, non a un governo”, continua Crosio, escludendo il voto di fiducia a un esecutivo di centrosinistra. Intanto, però, il gruppo è nato. Con il benestare di Silvio Berlusconi e Roberto Maroni. Che in serata dice: “Valuteremo le proposte di Bersani d’intesa con gli alleati del Pdl e poi decideremo una posizione comune”. Da una parte, dunque, la Lega non chiude la porta. Dall’altra il Cavaliere insiste per le larghe intese. E un gruppo “cuscinetto” Pdl-Lega in Senato potrebbe dare una mano al segretario del Pd nel caso in cui non riuscisse a convincere i grillini. O, in seconda battuta, a preparare il terreno a un esecutivo con una maggioranza più vasta guidato da una figura istituzionale. Che ci sia la manina di Napolitano dietro la nascita di Gal? Chissà… Qualcuno, però, lo paragona al gruppo dei Responsabili di Scilipoti e Razzi nato alla Camera nel dicembre 2010, che salvò Berlusconi dalla mozione di sfiducia voluta da Gianfranco Fini e bocciata per un solo voto. Anche se in quel caso vi fu un mercanteggiamento di deputati per il quale ora lo stesso Cavaliere è sotto inchiesta a Napoli e rischia addirittura l’arresto.”

Qui potrete trovare il link dell’articolo originale.

http://www.blogo.it/news/politica/redazione/16945/dieci-senatori-di-pdl-e-lega-si-fanno-il-gruppo-autonomo-saranno-loro-a-salvare-bersani/

CONDIVIDETE! TUTTI DEVONO SAPERE!

Annunci

One thought on “IL GRUPPO PARLAMENTARE GAL PER AVVIARE L’INCIUCIO 2013

  1. Pingback: INCHIESTA: La vittoria sul tutto il fronte del #PartitoDemocratico contro il #PDL e il #M5S | Tutto il Fango Minuto per Minuto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...